Programmi Integrati Agevolati (P.I.A) 2024

Beneficiari

Possono presentare istanza di agevolazioni:

  • le medie imprese che alla data di presentazione della domanda abbiano già approvato almeno due bilanci;
  • le piccole imprese con un fatturato medio nell’ultimo triennio di almeno € 1 milione;
  • le imprese innovative e le start up innovative solo se in aderenza con altre PMI o singolarmente in presenza di particolari requisiti;
  • le imprese non attive se controllate rispettivamente da impresa di media dimensione che abbia approvato almeno due bilanci alla data di presentazione della domanda o da piccola impresa con un fatturato medio nell’ultimo triennio di almeno € 1 milione, che assumono la responsabilità del Programma Integrato di Agevolazione;
  • le imprese attive se controllate rispettivamente da impresa di media dimensione che abbia approvato almeno due bilanci alla data di presentazione della domanda o da piccola impresa con un fatturato medio nell’ultimo triennio di almeno € 1 milione, che assumono la responsabilità del Programma Integrato di Agevolazione.

Cosa finanzia

1) Progetti di Innovazione

Per le PMI l’intensità di agevolazione per ciascun beneficiario non supera il 50%.

2) Investimenti produttivi

  • Per le Medie Imprese, l’agevolazione per ciascun beneficiario non supera il 40%.
  • Per le Piccole Imprese, l’agevolazione per ciascun beneficiario non supera il 50%.
  • Per le Start up innovative, l’importo complessivo delle spese e dei costi ammissibili deve essere compreso tra:

     – 1 milione di euro e 20 milioni di euro per le imprese innovative e per le Start up innovative singole;

     – 500 mila euro e 5 milioni di euro per le start up innovative e per le imprese innovative

3) Progetti formativi

L’intensità di agevolazione per ciascun beneficiario non supera:

  • il 60% per le Medie Imprese;
  • il 70% per le Piccole Imprese.

Tali intensità possono essere aumentate del 10% se la formazione è destinata a lavoratori con disabilità o a lavoratori svantaggiati.

4) Investimenti a favore della tutela ambientale

Per le PMI, gli investimenti a favore della tutela ambientale non possono eccedere 10 milioni di euro.

L’intensità di agevolazione per ciascun beneficiario non supera:

  • il 55% (Medie Imprese) e 65% (Piccole imprese) per gli Investimenti a favore di efficienza energetica;
  • il 55% (Medie Imprese) e 65% (Piccole imprese) per gli investimenti per la promozione di energia da fonti rinnovabili, di idrogeno rinnovabile e di cogenerazione ad alto rendimento.

5) Acquisizione di consulenze specialistiche, programmi di Internazionalizzazione e di partecipazione a fiere

Le spese per servizi di consulenza e per l’internazionalizzazione non potranno superare 500.000,00 euro; le spese per la partecipazione alle fiere delle PMI non potranno superare 500.000,00 euro.

Le agevolazioni sono concesse nel limite del 50% della spesa complessiva ritenuta congrua, pertinente e valutata ammissibile.

Le iniziative agevolabili devono essere riferite a unità locali ubicate/da ubicare nel territorio della Regione Puglia.

Le agevolazioni

Le agevolazioni per i progetti in ricerca e sviluppo non potranno superare, indipendentemente dall’ammontare dell’importo ammissibile, i seguenti limiti per impresa:

  • se il progetto è prevalentemente un progetto di ricerca industriale: 35 milioni di euro per impresa e per progetto
  • se il progetto è prevalentemente un progetto di sviluppo sperimentale: 25 milioni di euro per impresa e per progetto; 
  • per gli aiuti alle PMI a favore di progetti di ricerca e sviluppo che sono stati insigniti di un marchio di eccellenza, l’importo massimo dell’aiuto non supera i 2,5 milioni di euro per PMI e per progetto.

I costi per Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale non possono eccedere 40 milioni di euro per il Programma Integrato di Agevolazione.

L’intensità di agevolazione per le medie imprese non supera:

  • il 60% per la ricerca industriale;
  • il 35% per lo sviluppo sperimentale;

L’intensità di agevolazione per le piccole imprese non supera:

  • il 70% per la ricerca industriale;
  • il 45% per lo sviluppo sperimentale;

Tali intensità possono essere aumentate fino all’ 80% dei costi ammissibili.

Spese ammissibili

Nell’ambito dei programmi di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale sono ammissibili le seguenti spese:

  • personale impiegato nelle attività di ricerca e sviluppo;
  • strumentazione e attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto;
  • costi relativi agli immobili e ai terreni nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto;
  • costi per la ricerca contrattuale, le conoscenze e i brevetti, nonché costi per i servizi di consulenza e servizi equivalenti;
  • spese generali e altri costi di esercizio.

Presentazione domanda
Le domande di contributo potranno essere compilate dal 22/01/2024.

Bando Aperto
Fondo perduto: Si
Importo del Voucher
35.000.000 €
Promosso da Regione Puglia
Disponibile in: Puglia.
Scadenza 31 Dicembre 2024
Sei interessato a questo bando?
Lascia la tua mail e sarai ricontattato da un nostro esperto.
Condividi su
Fahrenheit 2030 - consulenza fiscale e accesso bandi e fondi
Fahrenheit 2030 grazie ad un ampio network di aziende e professionisti partner ti aiuta a realizzare il tuo progetto, offrendo consulenze specifiche in diversi ambiti.

Inserisci i tuoi dati